martedì 29 ottobre 2013

IDDUSAPI: IL PUNTO SULLA B

L’undicesima di andata del campionato di serie B è spalmata questa volta su quattro giorni, da venerdì a martedì, e si apre con l’anticipo di lusso tra Reggina e Pescara, terminato con una vittoria esterna che matura nella ripresa. Festival dei pareggi nel turno del sabato: quattro su otto partite, a Bari, Carpi (1-1), Brescia (2-2) e Palermo (a reti bianche). Corsaro l’Empoli con due punti esclamativi sulla disastrata Juve Stabia, passa fuori casa anche il Crotone. Ancora bene il Lanciano e lo Spezia, che con un po’ di fortuna torna a vincere dopo una serie di pareggi. Domenica tutti fermi per la A, ed ecco nel posticipo del Monday Night un altro pareggio tra Novara e Cesena, che si materializza nei minuti finali del match. Ulteriore appendice la partita di questa sera tra Cittadella e Avellino, che si conclude con una vittoria per 2-1 degli ospiti che continuano a impressionare. La classifica ci racconta il terzo posto degli irpini a pari merito con il Cesena, il quarto del Crotone e il quinto del Palermo che si è riportato ai piani alti dopo un filotto senza sbavature, anche se tutto è ancora da vedere. Venerdì, infatti, tutti di nuovo in campo nel giorno di Ognissanti. 



1 ® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

sabato 26 ottobre 2013

IDDUSAPI: LA PUNTATA

Di Ragazzo di Bottega

Brescia-Siena GOL
Grande partita al Rigamonti tra due squadre che giocano a viso aperto. Prevediamo almeno un gol per parte, e specialmente i toscani scenderanno in campo col coltello tra i denti a causa della sconfitta in extremis di lunedì.

Carpi-Latina X
Latina ordinato e speculativo, padroni di casa in crisi di gioco e di risultati che provano a trovare continuità dopo le ultime alterne prestazioni. Partita chiusa e poco spettacolare, potrebbe deciderla un episodio.

Juve Stabia-Empoli 2 – OVER 2.5
La prima della classe per gioco e qualità va in scena in casa del fanalino di coda Juve Stabia, che difficilmente riuscirà ad erigere le barricate contro un avversario che fin qui ha sempre ben figurato in tutte le partite. “Due” fisso.

Lanciano-Padova 1
Impegno sulla carta agevole per gli abruzzesi, ma i quotisti che pagano la vittoria oltre la pari puntando sull’equilibrio ci trovano pienamente d’accordo. Il Padova proverà a dare seguito alla vittoria casalinga di sabato scorso.

Novara-Cesena 2
Azzurri che raccolgono i cocci dopo il disastro di sabato scorso contro la Ternana, ma si trovano davanti un Cesena che ha vinto le ultime partite e le ultime due trasferte, nel momento peggiore del loro campionato.

Palermo-Varese OVER 2.5
Varese che a dispetto di Pavoletti non riesce ad andare a segno da 233’, e certamente punterà a sbloccarsi nella trasferta della Favorita dove ad accoglierlo c’è un Palermo in stato di grazia dopo il cambio di panchina.

1 ® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita sotlo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati



lunedì 21 ottobre 2013

IDDUSAPI: IL PUNTO SULLA B

Decimo turno di B che si apre con la vittoria casalinga del Cesena contro il Bari, che aggiunge la quarta crocetta alla colonna delle sconfitte consecutive. Latitano i pareggi, una volta tanto le squadre hanno deciso di giocarsela fino in fondo. Sono larghe le vittorie interne di Ternana (5-0 sul Novara), Brescia, Avellino (entrambe per 4-1 su Cittadella e Carpi) e Modena (3-0 sulla Reggina che causa un cambio di panchina). Qualche difficoltà in più per l’Empoli, che torna alla vittoria passando sul Varese in una partita davvero spettacolare, mentre vince per la seconda volta il Padova di Mutti in casa contro la disastrata Juve Stabia. Le vittorie esterne sono quelle di Lanciano (2-1 contro il Crotone che veniva da due successi di fila) e Latina, che va a vincere a Pescara condannando gli uomini di Marino all’ennesima brutta figura e sotto la gestione Breda fin qui non ha mai perso. Continua la bellissima parabola ascendente del Lanciano, miglior difesa del campionato ed unica a conservare lo “zero” nel computo delle sconfitte. Posticipo di lusso, nel “Monday Night”, tra le nobili (per ora) decadute Siena e Palermo, che si chiude con la vittoria esterna dei siciliani per 3-2.





® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

sabato 19 ottobre 2013

SERIE B EUROBET 2013/2014, MODENA-REGGINA 3-0

DAL NOSTRO INVIATO
MODENA - In una giornata grigia rendiamo visita ai cardiddi canari che schierando una pantera davanti ci fa subito male, oltre all'ex Monzon, che si vendica con noi della sua più brutta esperienza. Senza attaccarsi alle assenze, alibi buono solo per chi non riesce a dare una identità alla squadra, prendiamo atto che ancora una volta tra Gerardi e Lucioni c'è una distanza pari a quella che i neutrini percorrono dalla Svizzera al Gran Sasso. I corner a favore, tutti infruttuosi, saranno presi dai soliti noti come dato incontrovertibile che questa squadra è viva e lotta ma deve crescere. Oggi non vediamo il capro espiatorio abituale fermo ai box ed allora i soliti noti se la prenderanno con chi lo sostituisce perché non può avere i 90' nelle gambe. Colucci non è al 100%, Strasser è nu paddecu e 'nto Milan si spasciau, il portiere doveva prenderla ecc. ecc. Intanto un povero padre di famiglia rischia di essere cotto e mangiato... U prossimu pigghiamulu single, sai com'è... 
Cristoforo Colombo
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

venerdì 18 ottobre 2013

IDDUSAPI: LA PUNTATA

di Ragazzo di Bottega


Avellino-Carpi 1

Si tratta di due squadre che praticano un calcio molto difensivo e di sostanza, senza riuscire a farsi notare per il loro gioco. Gli emiliani possono mettere in difficoltà la squadra di Rastelli, con cui daranno vita ad una partita chiusa.


Crotone-Lanciano X


Il Crotone ha vinto a Bari dove ha decisamente rinunciato a giocarsela chiudendosi e sfruttando le ripartenze, ma contro gli abruzzesi sarà costretto a fare la partita, incontrando sicuramente non poche difficoltà.


Empoli-Varese OVER 2.5


Lo 0-0 del Varese contro il Trapani è stato solo un caso, visto che si tratta di una squadra, al pari dell’Empoli, che se la gioca a viso aperto praticando una manovra veloce e divertente. Grande incertezza, tanti gol.


Trapani-Spezia 2


Dopo tre pari di fila lo Spezia proverà a sfruttare i suoi uomini d’esperienza e le difficoltà recenti dei siciliani per portare a casa i tre punti che mancano ormai quasi da un mese. Possibile vittoria esterna.


Brescia-Cittadella GOL


Il match del Rigamonti, visti i precedenti e il gioco organizzato dei veneti, non può che offrire aspettative di spettacolo ed incertezza. Ci aspettiamo almeno un gol per parte, l’incontro nonostante la “carta” è da tripla.


Pescara-Latina X


Il Delfino potrebbe sbloccarsi contro i laziali, ma anche no; a meno che i grandi giocatori di cui dispone non si inventino qualche colpo, la difesa a oltranza di Breda potrebbe avere la meglio contro una squadra in crisi.


1 ® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

mercoledì 16 ottobre 2013

NON GABBU E NON MARAVIGGHIA!

A volte leggiamo, sentiamo e vediamo cose che non possono passare inosservate e allora vi offriamo queste tre chicche.

FILOSOFIA - Intervista di Pasquale Romano su ReggioNelPallone a Franco Iacopino che parla di Walter Novellino: "A Reggio Calabria ha fallito? Conosco bene Novellino, si tratta di un allenatore che non permette alcuna ingerenza, potrei definirlo un 'egocentrico' dal punto di vista tecnico-tattico. Considerata la filosofia che si utilizza alla Reggina, forse è stato un errore assumerlo...". Capito come funziona? NGNM!

PROFESSIONALITA' - Crediamo che ogni titolo di giornale debba corrispondere a ciò che c'è scritto nell'articolo, altrimenti è prendere in giro il lettore. Tra le mani il Corriere dello Sport-Stadio dove c'è un'intervista a Federico Gerardi, realizzata da Eugenio Marino. Nel sottotitolo c'è un virgolettato dell'attaccante: "La nostra forza è il gruppo. ATZORI SA GUIDARCI". Leggendo l'articolo questo passaggio non si trova da nessuna parte. Ma complimentoni. NGNM!

DISOCCUPAZIONE - Svariando tra i vari siti il pezzo di un articolo di Franco Cleopadre su TuttoReggina ci è saltato agli occhi: "Poco c’è voluto sabato sera che un padre di famiglia, venisse messo sulla graticola, e non cucinato, ma bruciato, per la disattenzione di un giovane 31 enne assistente, superficiale e disattento e un arbitro insicuro e più volte in disaccordo con l’altro assistente nell’accordare la rimessa laterale. Ma è bene quel che finisce bene". Eh la miseria! E se non fosse padre di famiglia? E se perdesse un posto da 1.000 euro al mese? NGNM!

CONFUSIONE - Leggiamo su Strill la storia di Modena-Reggina: "La dirigenza, che aveva allestito una squadra per competere ai vertici (l’anno prima gli amaranto conclusero sesti), decide di sollevare dall’incarico Cerantola dopo le sconfitte contro Barletta e Padova. Al suo posto, proprio in un Modena-Reggina di 22 anni fa, fece il debutto sulla panchina l'ex campione del mondo Ciccio Graziani". Peccato che Ciccio Graziani esordì, perdendo, in casa col Padova nel turno precedente. NGNM!
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

martedì 15 ottobre 2013

IL PUNTO SULLA SERIE B

di Ragazzo di Bottega

Per la seconda volta quest’anno la cadetteria si traveste da serie A, prendendo posto negli orari di quest’ultima a causa della sosta per le nazionali. Negli anticipi del sabato, quindi, pareggia lo Spezia all’ultimo secondo contro le rondinelle, mentre al Granillo la Reggina supera ’ottimo Empoli di Sarri. Passa il Cittadella di misura nel derby patavino giocato all’ora di pranzo. Nel pomeriggio si fermano a sorpresa Lanciano e Varese, timbra prontamente il cartellino il Siena che ne fa tre ai ragazzi di Rastelli, si conferma il Cesena sul campo di una Juve Stabia sempre più mediocre. Calma piatta tra Latina e Modena, mentre in una partita stregata per i biancorossi il Crotone strappa i tre punti in casa del Bari. Nel posticipo serale il Palermo sconfigge di misura un Pescara sempre più in crisi, riportandosi così dopo tre risultati utili consecutivi in piena corsa per i primi posti in graduatoria. Nel monday night, infine, il Carpi di Vecchi batte il Novara mandando in crisi Aglietti.
*   *   *
RISULTATIBari-Crotone 1-2; Carpi-Modena 1-0; Cittadella-Padova 1-0; Juve Stabia-Cesena 0-2; Latina-Modena 0-0; Reggina-Empoli 2-1; Siena-Avellino 3-0; Spezia-Brescia 2-2; Varese-Trapani 0-0; Virtus Lanciano-Ternana 1-1.
*   *   *
CLASSIFICA: Virtus Lanciano 19; Cesena e Empoli 17; Crotone 16; Varese e Avellino 15; Palermo 14; Spezia e Cittadella 13; Modena 12; Siena (-5) 11; Carpi, Trapani e Novara 10; Latina, Reggina e Brescia 9; Bari (-3) e Pescara 8; Ternana e Carpi 7; Juve Stabia 5; Padova 4. Carpi e Padova una partita in meno.
*   *   *
MARCATORI - 7 reti: Pavoletti (Varese); 5 reti: Antenucci (Ternana, 1 rig.), Babacar (Modena), Hernandez (Palermo, 2 rig.), Mancosu (Trapani, 1 rig.) e Torromino (Crotone, 3 rig.); 3 reti: Gerardi; 1 rete: Cocco, Di Michele, Fischnaller e Foglio.
*   *   *
PROSSIMO TURNO (sabato 19 ottobre 2013, ore 15): Avellino-Carpi; Brescia-Cittadella; Cesena-Bari (venerdì 18, ore 20.30); Crotone-Virtus Lanciano; Empoli-Varese; Modena-Reggina; Padova-Juve Stabia; Pescara-Latina; Siena-Palermo (lunedì 21, ore 20.30); Ternana-Novara; Trapani-Spezia.
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

lunedì 14 ottobre 2013

TATTICAMENTE REGGINA-EMPOLI

di Gabriele D'Annunzio

L’Empoli sposta il rifinitore a sinistra, De Rose lo segue a uomo, rimane il buco nel mezzo che è già a disposizione del centrocampista empolese che si è giocato Dall’Oglio ma in più si aggiunge Maccarone che per lunghi tratti di partita ha capito dove doveva andare a prendere palla.

In pratica con la difesa bassa e l’interditore a uomo si rimane così, con due uomini liberi davanti alla nostra area. 

Questa è l’azione del gol regolare annullato a Gerardi: la prima differenza la attua Di Michele che viene accanto a Foglio, Valdifiori se ne rende conto dopo. Di Michele permette a Foglio di sfuttare il due contro uno con Moro che allarga le braccia perché sa che dietro ha un avversario. Foglio che è giocatore lo manda a casa con il dribbling, sfruttando proprio l’avversario sbilanciato.



Questo è quello che succede dopo, il difensore dell’Empoli segnato con la freccia bianca si gira per vedere dietro mentre Gerardi chiede un cross. Da notare la posizione da punta di Maicon cerchiato in rosso. Foglio compie un gesto tecnico di lusso, perché mette il pallone dove il portiere non può uscire, per Gerardi, non per Maicon (sarebbe stato sprecato visto che lì non serve, non è una punta!). Praticamente mezzo gol di Foglio, poi Gerardi è bravo ad agganciarla.

Lancio di Valdifiori per Tavano tenuto naturalmente in gioco dalla difesa bassa, questo è un esempio di come rimanga il buco nel mezzo quando De Rose segue l’avversario (freccia rossa), con la linea bianca la difesa a 3 che diventa a 5.

Tavano ha due alternative: un passaggio chiesto dal compagno in area, che per fortuna non viene servito, altrimenti tutte quelle belle pagelle su De Rose... (freccia); un passaggio dietro per sfruttare il solito spazio.

Qui il compagno gliela chiede con le braccia

Qui l’altro compagno lo manda a quel paese perché la voleva dietro.

Gol di Gerardi. Le frecce verdi indicano il movimento a retrocedere di Gerardi e Di Michele che dettano il cross a Dall’Oglio. Da notare Foglio nella sua profondità cerchiato in alto. Il difensore dell'Empoli perde la marcatura di Gerardi che gli passa dietro la schiena.

Dall’Oglio la mette in mezzo e Gerardi non ci arriva ma non aveva visto Di Michele. Di Michele non solo gliela serve di petto… 

...ma si propone anche per l’eventuale tocco di Gerardi. Quest’ultimo va da solo sfruttando la superiorità numerica che porta l’avversario a lasciare libero il passaggio a destra ed in maniera un “tantino” più rudimentale di Foglio in precedenza, vince un mezzo rimpallo e caparbiamente la mette dentro. La finezza di raccogliere il cross, porgerla al compagno e riproporsi ponendo un’altra volta offrendo al compagno  il due contro uno è già di per sé un gran gesto tecnico, farlo dentro l’area è da campione.

Questa immagine è per chi ha visto un 3-3-4. Cinque in difesa più De Rose.

Occasione di Cocco.  Senso del gioco di Di Michele che tocca dietro un cross (non dal fondo, quindi più difficile) di Foglio. Chi prima di bollare Cocco ha notato il suo movimento da attaccante bravo? Di Michele la tocca dietro e chi ci arriva?

Cocco, che ha capito tutto prima e si è impossessato del pallone.

Si gira e tira, lo stoppa un empolese. I due attaccanti hanno trasformato un cross in occasione, si capisce il rammarico per non aver segnato, da tifosi, ma si dovrebbe capire anche che è un’invenzione non qualcosa creata e sciupata!

Altra perla di Foglio, il passaggio di Maicon è verso di lui, non verso la profondità, lui fa scorrere la palla sul piede con un tocco che gliela sistema come la vuole per tenere distante il difensore ed avere lo spazio per calciare.

Meraviglia tecnica!

Le posizioni di Maicon e Foglio che andavano in pressing sui terzini, Di Michele invece di andare su Valdifiori, spesso pressava il centrale e questo ha mandato in imbarazzo per alcuni minuti i difensori empolesi che si son visto un 4 contro 4 ed hanno lanciato. Quando hanno capito che passata quella linea c'era il vuoto si sono impossessati del centrocampo, sfruttando i movimenti del trequartista che spostava De Rose. Il talento calcistico di Di Michele in interdizione su Valdifiori è una delle tante scelte che non condividiamo, così come quella di portare Maicon in area, piuttosto che sfruttarlo all’interno di un gioco che lo faccia correre.  Come non condividiamo la marcatura a uomo sul trequartista e tante altre cose, quali ad esempio, la sistematicità della disapplicazione della regola del fuorigioco!
*   *   *
Il risultato premia la voglia, la grinta, il gruppo (aspettate che le scriviamo tutte eh), l’unione, l’input positivo derivante dal risultato, la sfortuna avuta, il destino, il “non la buttiamo dentro”, il “abbiamo creato”, il  “dobbiamo segnare per primi” ecc. ecc… ma soprattutto la bravura. Bravura di Lucioni a giocare, partendo da lì sotto, contro avversari che manovrano palla al piede, testa alta e con spazio davanti, bravura di Foglio a correre avanti e indietro e nel frattempo “inventarsi” due calci magistrali. Bravura di Di Michele a far cadere nel panico i difensori e dominarli fuori e dentro l’area.  
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

domenica 13 ottobre 2013

LA PUNTATA

Nonostante le malelingue che vorrebbero il nostro esonero dalle scommesse, noi siamo ancora qui e sosteniamo che i giocatori ci facciano la vacca non facendo finire le partite per come le prepariamo e le pensiamo. Dobbiamo lavorare e crescere, ce la faremo prima della quarantaduesima giornata a prenderne una!
Ragazzo di Bottega
*   *   *
JUVE STABIA-CESENA 2 – OVER 2.5
Avversario ostico per la squadra di Braglia, che viste le sue pesanti lacune difensive potrebbe cedere rovinosamente sotto i colpi dell’attacco romagnolo. Probabilmente sarà una partita piena di gol.

LATINA-MODENA 2
Discreto filotto di risultati positivi per Breda, ma il Modena di quest’inizio di stagione, specie la versione da trasferta, potrebbe approfittare del divario che separa le due squadre. Partita da tripla, noi (come sempre) osiamo.

PALERMO-PESCARA 1
Nel posticipo della Favorita un Palermo ritrovato fa gli onori di casa contro un Delfino vittima delle sue stesse carenze difensive. Sarà una partita difficile per i ragazzi di Iachini, ma alla fine anche loro dovrebbero spuntarla.

SIENA-AVELLINO 1
La penalizzazione inficia pesantemente la classifica dei toscani, che altrimenti stazionerebbero in una zona che fin qui hanno meritato ampiamente. L’Avellino proverà a difendersi, ma il Siena sul lungo dovrebbe spuntarla.

VARESE-TRAPANI GOL
Dopo una buona partenza i siciliani non vincono da un mese, mentre il Varese viene dallo scivolone esterno di Padova di venerdì scorso. Il pronostico appare incerto, ma i gol non dovrebbero mancare.

VIRTUS LANCIANO-TERNANA X
Nonostante il sorprendente primato in classifica, il segreto della squadra di mister Baroni è l’equilibrio. Anche la Ternana, vittima quest’anno di qualche amnesia tecnica e tattica di troppo, tende a chiudersi e ad aspettare.
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

sabato 12 ottobre 2013

SERIE B EUROBET 2013/2014, REGGINA-EMPOLI 2-1

REGGIO CALABRIA - Atzori si gioca la panchina e presenta un 3-5-2 con Gerardi affianco a Di Michele in avanti e con un centrocampo giovane con De Rose davanti alla difesa, Dall'Oglio mezzala e lo spagnolo Sainz Maza in cabina di regia. In difesa rientra Adejo per Di Lorenzo. Dall'altra parte Sarri è senza Hysaj e Rugani ma propone il classico 4-3-1-2 con Maccarone e Tavano davanti e Pucciarelli a supporto. Al centro della difesa c'è l'esordio dal primo minuto di Barba accanto a Tonelli. E' poco il pubblico presente sugli spalti nonostante una serata umida ma non piovosa. Dirige l'incontro il signor Candussio di Cervignano del Friuli, coadiuvato dagli assistenti Di Iorio e De Troia.

Il primo tempo è avaro di emozioni. La Reggina fa un finto pressing avanzando Maicon e Foglio ma superati loro c'è un'autostrada per l'Empoli vista la lunghezza degli amaranto. Tavano fa il centravanti, con Maccarone che viene detro nella terra di nessuno con Sarri che chiede anche a Pucciarelli di giocare vicino a Maccarone. Protestano gli uomini di Atzori al 33' quando Gerardi gira in rete un cross di Foglio, la palla sbatte sulla traversa e rimbalza oltre la linea: sarebbe gol ma né l'arbitro Candussio né l'assistente De Troia se ne avvedono. La squadra di Sarri non ha guizzi, ci prova Tavano al 40' ma è attento Benassi.

Inizia la ripresa e su un cross di Dall'Oglio rifinito di petto da Di Michele è Gerardi a trovare il guizzo vincente al 49' e stavolta non ci sono dubbi. Sarri leva Tavano ed inserisce Verdi spostando Pucciarelli in avanti vicino a Maccarone che adesso gioca da centravanti. Il ritmo degli ospiti sale, prima Maccarone e poi Pucciarelli provano ad impensierire Benassi ma il portiere è attento su tiri non proprio irresistibili. La pressione però produce il pareggio con Croce che pesca in profondità Pucciarelli che salta in dribbling Lucioni e trafigge con un diagonale Benassi (64'): lunga la Reggina sul portatore di palla avversario. Atzori prova a rimescolare le carte inserendo Cocco e Rigoni per Gerardi Dall'Oglio, mentre Sarri inserisce Mchedlidze per Pucciarelli spostando nuovamente Maccarone nel ruolo di seconda punta. Ha un buon pallone Cocco al 72' su cross di Foglio rifinito dal solito Di Michele ma la difesa riesce a sbrogliare una situazione intricata. Atzori gioca l'ultima carta mandando dentro Fischnaller per Sainz Maza senza comunque cambiare modulo. L'Empoli ha una buona possibilità con Moro liberato da Valdifiori il cui cross attraversa tutto lo specchio della porta senza che Mchidlidze trovi il guizzo vincente. All'85' la Reggina trova il guizzo: Maicon apre per Foglio che è in posizione di fuorigioco, l'assistente non lo segnala, il sinistro è forte come evidente è l'errore di Bassi. Nei minuti finali l'Empoli non riesce più ad impensierire Benassi.
*   *   *
I PROTAGONISTI
Sorridente a fine partita Gianluca Atzori: «La fortuna ci ha sorriso stavolta ma la vittoria è meritata anche perché davanti avevamo una grandissima squadra. Avevo previsto che l'Empoli ha tanto palleggio e ci saremmo abbassati un po' ma è andata bene. Nelle ultime partite la palla non voleva entrare, credo che oggi i ragazzi hanno voluto questa vittoria e adesso dobbiamo continuare a lavorare». Deluso il tecnico dei toscani Maurizio Sarri: «Siamo venuti a Reggio nel momento sbagliato. Dopo l'1-1 eravamo in possesso della partita ed invece l'abbiamo persa, può succedere. Sono contento della prestazione, siamo vivi, mi sembra una sconfitta casuale quella di oggi». Felice il match winner Valerio Foglio: «Siamo un grande gruppo, volevamo questa vittoria e l'abbiamo ottenuta. Dedico il gol a mia nonna che non sta molto bene».
*   *   *
L'ANALISI
La Reggina dunque vince la sua seconda gara in questo campionato e Gianluca Atzori salva la sua panchina con una vittoria che dà ossigeno, ma non certezze, alla truppa amaranto. Adesso si va a Modena dall'ex Novellino e mancheranno Cocco e Di Michele. David Di Michele e Valerio Foglio sono la copertina di questa squadra: loro criticati, anzi, insultati hanno fatto la differenza stasera. Di Michele ha regalato giocate di alta scuola, una su tutte l'assist di petto per il gol di Gerardi mentre Valerio Foglio ha realizzato il gol vincente giocando in un ruolo dove il tecnico rimpiangeva Rizzato. Vedremo se questa vittoria è quella della svolta oppure se sarà stata una vittoria di Pirro. L'Empoli ha giocato una gran partita ed ha poco da rimproverarsi: nel secondo tempo è mancato solo il colpo del K.O. dopo la rete del pareggio di Pucciarelli. Il migliore in campo è David Michele: assist, corsa, sostanza. Insomma, un grande.
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

martedì 8 ottobre 2013

NOI NON PARTECIPIAMO

Dal nostro gruppo Facebook "AREA VIP AMARANTO"

Gianluca Atzori rimarrà sulla panchina della Reggina almeno fino a sabato, per essere esposto al pubblico ludibrio e venire costretto a dimettersi.

Non condividiamo questo modo di fare del Presidente Foti che diviene così il responsabile numero uno di questa situazione. Non accettiamo che passi il discorso che non ci sono soldi: se non ci sono il Presidente, in un momento di difficoltà, ha il dovere di licenziare Atzori e prendere un allenatore degno di questo nome mettendo le mani in tasca.

Non avremmo puntato su Atzori come scritto più e più volte e quasi tutte le scelte del tecnico sono sbagliate: lo dimostrano i fatti, ultimo dei quali la sconfitta di Crotone dopo ben 37 anni. Neanche Breda e Iaconi erano riusciti a perdere a Crotone, lui sì.

Rimanendo comunque ai fatti lui è l'allenatore della nostra Reggina ed allora, nel nostro piccolo, noi non parteciperemo al "massacro" mediatico che ci sarà almeno fino a sabato sera.

Allo stesso tempo, sperando che dietro il patetico riferimento alla mancanza di impegno di alcuni calciatori, fatto dai suoi amici radiofonici, non ci sia lui, prendiamo le distanze da chi, per "giustificare" il mister, induce la gente alla contestazione verso determinati calciatori, due su tutti, Di Michele e Colucci che, oltre a rappresentare storie positive del nostro centenario, sono due professionisti seri e molto legati a Reggio ed al suo pubblico.

Ragion per cui chiudiamo Iddusapi e ci asterremo dalle questioni riguardanti l'allenatore nell'Area Vip almeno fino al termine di Reggina-Empoli.
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

lunedì 7 ottobre 2013

SERIE B 2013/2014, CROTONE-REGGINA 2-0

CROTONE - Dopo trentasette anni il Crotone batte la Reggina con il più classico dei risultati, 2-0. Era il 10 ottobre 1976 l'ultima volta che ci hanno sfottuto da queste parti e ci è voluto tutto il genio di Gianluca Atzori. Inutile attaccarsi ad inesistenti occasioni da gol (sul nostro taccuino abbiamo una parata e mezza di Gomis su Maza nel primo tempo e su un colpo di testa di Cocco nella ripresa) oppure alla sfortuna: stasera il Crotone ha meritato la vittoria semplicemente perché è più squadra. Sono cervellotiche le scelte di Atzori (anche col senno di prima, basta leggere sul nostro gruppo “Area Vip Amaranto” di Facebook), il 3-5-1-1 è un abominio senza un centravanti di ruolo e con ben quattro punte in panchina. Il trequartista dietro Di Michele era Dall'Oglio mentre Maicon cercava ipotetici inserimenti. Quando Drago ha cambiato il suo 4-3-3 passando al 4-4-2 il treno amaranto è deragliato anche perché la Reggina è sempre troppo lunga in campo. Il palo di Crisetig (30') è stato il preludio del gol di Ishak giunto al 40' sugli sviluppi di un angolo. Nella ripresa Atzori manda dentro Cocco al 53' per Dall'Oglio ma non cambia il modulo: arretra Di Michele. Tempo di sistemarsi e De Rose perde un sanguinoso pallone in mezzo al campo che lancia in contropiede il Crotone: il destro di Torromino all'incrocio è una delizia. La partita finisce praticamente lì, Atzori chiude col 4-2-4 ma lo “Scida” è immenso perché Lucioni è Isola Capo Rizzuto e Cocco a Cropani Marina. La panchina di Atzori traballa: è la terza sconfitta consecutiva e sabato arriva l'Empoli. Si aspettano le decisioni di Foti: lo cacci oppure no?
*    *    *
Massimo Drago: “Vincere quello che per noi è un derby è una grande soddisfazione regalata ai nostri tifosi. Abbiamo ampi margini di miglioramento”.
Gianluca Atzori: “Non gira, siamo sfortunati. Abbiamo creato sei occasioni da gol ma non siamo riusciti a concretizzarle. Loro hanno fatto due tiri e segnato due gol. E' un periodo che gira tutto storto ma io non mollo”.
Francesco Torromino: “Sono contento per il gol e la vittoria. Io bomber? Chi l'avrebbe mai detto...”.
Beppe Ursino: “Abbiamo fatto un secondo tempo straordinario, possiamo giocarcela con tutti”. 
Simone Giacchetta: “La situazione sta diventando seria. Inutile attaccarsi alla sfortuna anche perché sarebbe un alibi. Prendiamo sempre gol, dobbiamo stare uniti e lavorare”.
*    *    *

Le scelte di Atzori sono da ritiro del patentino. Stasera non ci si può attaccare nemmeno agli episodi visto che la squadra ha raramente tirato in porta. Urge fare delle scelte e sabato arriva l'avversario più difficile cioè l'Empoli di Sarri. Vogliamo continuare a farci male oppure è ora di cercare di dare una svolta a questo torneo?
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

domenica 6 ottobre 2013

NON GABBU E NON MARAVIGGHIA!

Che domenica ragazzi, ne sono successe di tutti i colori. Non ci resta che andare per ordine.


Seguiamo da anni la Formula 1, ma una Jeep che entra in pista davanti alle monoposto proprio non l'avevamo mai vista (con la safety car dietro ad inseguire). NGNM!

All'ora di pranzo è l'ora del "fenomeno" Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo. Sorvoliamo sull'ennesimo regalo di Acerbi in occasione del gol del Parma andiamo all'inizio della ripresa. Il Sassuolo pareggia 1-1 ed ha il vantaggio numerico, un po' come la Reggina a Varese. Cosa combina Eusebio? Al 61' leva Missiroli ed inserisce Floro Flores passando così dal 5-3-2 al 5-2-3, con Cassano unica punta nel Parma. Prima Rosi e poi Cassano lo castigano per il 3-1 finale perché tolto "Missile" il centrocampo è andato in inferiorità numerica consentendo alla squadra di Donadoni di giostrare in contropiede. Alla fine era un 4-3-3 con Acerbi che faceva la spola tra centrocampo e attacco, proprio come avrebbe fatto Missiroli. A fine partita il commento di Di Francesco è stato: "Colpa dei difensori che hanno lasciato solo Cassano". NGNM!

Durante Parma-Sassuolo, su Sky, c'era Giancarlo Marocchi che si occupava del commento tecnico. Le mosse sopra elencate di Di Francesco sono state così commentate dall'ex calciatore: "Il tecnico del Sassuolo ha messo pure una punta, Floro Flores, ed ha fatto la mossa giusta. Gli è andata male". NGNM!

Sempre su Sky si aggira un altro fenomeno di nome Luca Boschetto, famoso nel mondo per aver commentato il gol di Taibi all'Udinese e per l'urlo "Mingazziniiiiiii" che accompagna tutte le sue telecronaca. Oggi durante "Diretta Gol" commentando Sampdoria-Torino ha commentato così il gol di Pozzi: "Ed è il pareggio! Sampdoria 2, Torino 0". Sentito questo commento tramite auricolare l'arbitro Gervasoni ha deciso di annullare il gol. NGNM!

Secondo voi poteva mancare Mediaset in tutto questo? Certo che no! Durante "Diretta Premium" al commento di Lazio-Fiorentina c'è tale Ricky Buscaglia che ci fa sapere qualcosa di impensabile: "Candreva gioca con i calzettoni abbassati per far respirare i polpacci". Accippicchia! Visto che si gioca con i pantaloncini e non con la tuta, cosa voleva far respirare quel giorno contro la Roma Nick Amoruso? Chiedetelo a Buscaglia... NGNM!
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

sabato 5 ottobre 2013

LA PUNTATA

Giornata numero sette ed eccoci ancora qua, come direbbe Vasco. Qualcuno sperava nel nostro esonero visto il magro bottino di inizio stagione ma noi abbiamo la presunzione dei grandi e non molliamo di fronte alle prime difficoltà. Né pensiamo sia colpa nostra se le partite di B non terminano come noi pronostichiamo! Giocate con prudenza...
Ragazzo di Bottega
*   *   *
AVELLINO-BARI X
Si tratta di due squadre, dice il campo, che badano soprattutto a difendersi. Un pareggio non scontenterebbe nessuna delle due, specialmente i padroni di casa, che vengono dall’importante vittoria contro l’Empoli di lunedì.

BRESCIA-PALERMO 2
Cristiano Bergodi non ci sembra l’uomo della svolta delle rondinelle; viceversa, Iachini si è già dimostrato tale per i rosanero. I siciliani potrebbero strappare una vittoria esterna contro una squadra in crisi e piena di assenze.

CARPI-CITTADELLA X
La migliore partita del Carpi è stata quella di Reggio Calabria, in cui la squadra emiliana si è occupata di difendere e colpire al momento giusto; la squadra di Foscarini, similmente, pensa a non subire gol. Partita bloccata.

EMPOLI-MODENA OVER 2.5
Breve momento di appannamento per i ragazzi di Sarri, che non vincono da due gare e hanno perso così la testa della classifica. Ci si aspetta che possano riproporsi in grande stile nel match di sabato contro i canarini.

NOVARA-VIRTUS LANCIANO 1 HANDICAP – X HANDICAP
Gli abruzzesi sono gli unici imbattuti del campionato, ma potrebbero perdere il loro primato contro il Novara, se gli azzurri di Aglietti cambieranno la tendenza che li ha visti pareggiare un po’ troppo in questo inizio di stagione.

PESCARA-SPEZIA GOL – 2
Non ci convincono le gravi amnesie difensive del Pescara, mentre i liguri hanno già piazzato un paio di ottimi colpi esterni grazie alla loro attenzione difensiva e al loro cinismo (contro Juve Stabia e Ternana). 
® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

mercoledì 2 ottobre 2013

TATTICAMENTE REGGINA-CARPI

di Gabriele D'Annunzio

Giustamente, non facendo il fuorigioco, abbiamo questa linea difensiva con le frecce bianche, un giocatore tenuto in gioco da Ipsa (dove c'è il logo della B), quindici metri di campo per chi si inserisce da dietro. Qualcuno in redazione (nella birreria artigianale) ha pure paventato l'ipotesi che Lucioni fosse lì in attesa di un autobus chi satau a cursa, ma non pensiamo sia così...

Questa è l'occasione di Cocco, la palla è deviata e ci arrivano in stile Sandokan lui ed il portiere: vogliamo incolparlo?

Il portiere Kovacsik (che ha giocato nonostante le fesserie dette in radio qualche giorno fa) nel lanciarsi, ha la lucidità di chiudere lo specchio, capita.

Questo è il gol del Carpi: abbiamo 6 uomini dietro più uno che subirà il dribbling...

No comment!

Non facendo mai il fuorigioco, Maicon rimane lì e tiene in gioco proprio quello che disturba la visuale a Benassi...


Questa immagine sgretola tutte le pagelle lette e discolpa Benassi. In sette partite giocate la Reggina ha fatto il fuorigioco 5 volte: due volte col Bari, due a Lanciano ed una a Trapani. Vi pare normale?

® Riproduzione vietata anche parziale. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

martedì 1 ottobre 2013